Alla cortese attenzione Onorevole Ministro Dario Franceschini Ministero per i beni e le Attività culturali e per il Turismo

e p.c

Capo di Gabinetto Prof. Lorenzo CASINI Ministero per i beni e le Attività culturali e per il Turismo

Segretario Generale dott. Salvatore NASTASI Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo

Direttore della Direzione Generale Musei Prof. Massimo OSANNA Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il turismo

 

 

OGGETTO: Le osservazioni dell’ANMLI, Associazione dei musei di enti locali italiani sul DM 9 ottobre 2020, n.451, Riparto del fondo per il funzionamento dei piccoli musei

 

 

L’Associazione Nazionale Musei Locali ed Istituzionali esprime dubbi e perplessità sul recente DM 451 del 9 ottobre 2020 inerente il riparto del fondo per il funzionamento dei piccoli musei ed aderisce al documento sullo stesso oggetto sottoscritto da tutte le associazioni museali italiane.

ANMLI aveva accolto con favore l’istituzione del fondo per il sostegno dei musei non statali, prevista dalla legge finanziaria 160/2019, che andava incontro alle necessità di tutti quei musei il cui funzionamento è minato da difficoltà relative alla gestione quotidiana dei servizi, alla mancanza di professionalità adeguate, alla promozione e ai problemi di valorizzazione e promozione.

La lettura, però, delle disposizioni contenute nel DM 451 del 9 ottobre 2020, recante i criteri di riparto dei finanziamenti previsti all’art.1, comma 359 della legge di bilancio 27 dicembre 2019, n.160, ci lascia fortemente perplessi sulle modalità di individuazione dei soggetti che beneficeranno di questo fondo.

Come pure ci lascia molte perplessità e dubbi la scelta del termine “piccolo museo”. Definizione che, secondo criteri ormai non più in uso, potrebbe essere attribuita alla maggior parte dei musei  Civici, Ecclesiastici e Privati esistenti in Italia. Una definizione che, attribuendo il concetto di “piccolo”, ad alcuni musei potrebbe contribuire a giustificare anomalie nel loro funzionamento, dividendo inoltre questi istituti culturali in “grandi” e meritevoli e “piccoli” e trascurabili.

Questo termine, per ANMLI, rimanda anche ad una idea di cattiva gestione o alludere ad un museo folkloristico, hobbistico o bizzarro, che non corrisponde alla realtà in quanto la maggior parte dei musei italiani di piccole dimensioni custodisce capolavori inestimabili o conserva collezioni significative e di grande importanza per il territorio in cui si trovano. Possono essere poco attrattivi per i visitatori a causa di problemi esterni, quali la scarsa considerazione da parte delle Amministrazioni Locali, la difficoltà di essere al di fuori dei flussi turistici, oppure possono avere problemi strutturali dell’edificio che li ospita. Sono molteplici le problematiche che possono portare ad accostare la definizione “piccolo” ad un museo.

Ogni museo ha la stessa dignità ed ogni museo ha diritto di essere gestito secondo i criteri stabiliti da quegli standard che finalmente, dopo molti anni di elaborazione e discussione, cominciano a dettare i metodi di funzionamento di questi Istituti Culturali.  E ogni museo ha il diritto/dovere di avere le risorse per la gestione e per entrare a pieno titolo nel sistema museale che si vuole e si deve costruire.

ANMLI ritiene che il percorso delineato dal Decreto Ministeriale per la distribuzione di questi fondi non sia idoneo per contribuire ad un miglioramento generale dei musei italiani.

Siamo anche amareggiati del fatto che questo Osservatorio dei Piccoli Musei non ci veda coinvolti, in quanto gran parte dei “piccoli” musei italiani sono musei civici, di proprietà o gestione degli Enti Locali, iscritti anche alla nostra associazione.

L’accordo sottoscritto fra ANMLI e MIBACT, con cui l’associazione si rende disponibile a collaborare con il Ministero per migliorare la gestione e fruizione dei musei civici, dovrebbe servire anche a questo, ad aiutare il Ministero nella scelta e definizione dei soggetti che saranno beneficiari di questi contributi.

La Presidente e il Direttivo dell’ANMLI Associazione Nazionale Musei di Enti Locali e Istituzionali

Anna Maria Montaldo, Nadia Barrella, Alberta Campitelli. Paola Marini, Franco Marzatico, Claudio Salsi, Anna Maria Visser, Davide Banzato, Alessandro Furiesi, Paolo Sirena

Milano 26 ottobre 2020